My Own Private Idaho

The Soul Selects Her Own Society then Shuts the Door

La notte è il sonno del giorno

che spegne la luce
è non è misura del tempo
che non esiste

Le stagioni, fattori esterni
che giocano a contrasti,
la pietra screpolata
dalla salsedine, dal gelo
è riferimento del passato al presente
e le foglie che cadono
a ricordarci le tappe
della nostra durata che ipotizziamo
al rinvio continuo del sorteggio
della scadenza a scongiuri
dubbia e sicura

Gli specchi
veri orologi del nostro declino
e quelli usuali,ai polsi,sui muri
non sono altro che roditori
della nostra anima
fino a diventare nodulo agli occhi

Gli amori
tanti colori
in un bicchiere d'acqua
e a mischiarli ignoranti
prende forma il quadro dei dubbi
a cui diamo ogni giorno ritocchi
fino alla certezza d'obbrobrio
e gettare la tela
e lo spreco è rammarico
a seconda d'umori
percepiamo un tempo
non uguale per tutti
quello vero non esiste
----------------------------------------
Da:Soste Precarie
www.santhers.com

Visualizzazioni: 6

Commento

Devi essere membro di My Own Private Idaho per aggiungere commenti!

Partecipa a My Own Private Idaho

Commento da ManOnJupiter su 29 Maggio 2017 a 10:01

Come farebbero ad esistere il passato e il futuro «dal momento che il primo non è più, il secondo non è ancora? ». E anche lo stesso tempo presente, se fosse sempre presente, non sarebbe più tempo, ma eternità: «Se dunque il presente, per essere tempo, deve tradursi in passato, come possiamo dire anche di esso che esiste, se la ragione per cui esiste è che non esisterà? Quindi non possiamo parlare con verità di esistenza del tempo, se non in quanto tende a non esistere.

(Sant'Agostino)

© 2017   Creato da Memory.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio