My Own Private Idaho

The Soul Selects Her Own Society then Shuts the Door

L'invito della moderatrice alla nostra autocancellazione.

Mi è giunto, come a Voi tutti, l'ennesimo sfogo con il quale la nostra ospite si rammarica della sempre più laconica ed estemporanea partecipazione dei membri e li invita ad autocancellarsi.

Ebbene, personalmente non ho mai postato più di così neanche quanto scrivevo in Francamente, sito nel quale mi divertivo, più che altro, a sottolineare le unidirezionalità fanatiche di chi lo "moderava" pensando pure di essere una democratica. Lì, il fanatismo della moderatrice e di qualche suo lacchè, era sostenuto da una personalità molto forte ma anche da una struttura logica assai debole, così che evidenziarne le contraddizioni era un gioco da ragazzi.

Qui, non ho trovato fanatismi contro i quali scatenarmi o vittime sacrificali per la mia sado-masochistica perversione di voler raddrizzare gli squilibrati. Peccato! Vi sono toccati dei posts sui Pink Floyd, sulla musica cosmica tedesca (krautrock), su musicisti sconosciuti o misconosciuti (Ronnie Lane, Paul Millns), vi sono toccate, per vostra sfortuna, alcune mie estemporanee interpretazioni alla chitarra. Vi sono toccati anche taluni raccontini sull'agente Michele Santeri che mi sono costati prima gli insulti e ma poi anche le lodi della nostra amica.

Quindi, a ben vedere, e a conti fatti, non credo di avere contribuito meno qui rispetto al mitico Francamente, anzi. Eppure...

Insomma avrei voluto anch'io considerare questo sito come il mio notepad di appunti, ed in effetti potrebbe continuare ad esserlo ma se devo andarmene perchè altri (o io stesso) non partecipano nella misura in cui la conduttrice vorrebbe, allora lascio che la conduttrice si assuma le sue responsabilità e mi cancelli lei stessa.

Visualizzazioni: 143

Rispondi

Risposte a questa discussione

Caro Man, " l'ennesimo sfogo" mi disturba semplicente perchè

non lo considero tale ma tu fai pure!

Ognuno faccia quel che può e ognuno decida come preferisce.

Il sistema non sta funzionando e dietro le quinte ho tentato di coinvolgere

più e più spesso gli assenti recidivi. Non c'è stata nessuna risposta tranne Santhers

che continua con la sua presenza senza alti e bassi, Giuseppe che privatamente

ha condiviso questa decisione e ha già deciso e lo stesso dicasi di Silva che non avrà

sicuramente ancora letto.

Gli altri sono totalmente in disarmo e tu sei un caro amico ma forse non quanto

mi piacerebbe e la tua logica è per me eccessivamente frigida. Una logica che pretende

di accompagnarsi sempre ad un figidaire per non scoprire che si vive anche di squallore

se non di disarmonia e qualche volta anche di una sensazione strana che sconfina

nel disagio di stare davanti ad una parete che stona il suo eco.Ti sono grata per esserci stato e per esserci. Forse ti apparitò sempre dinoccolata

ed inadatta al ruolo ma sai, io volevo solo stare con voi, mica pretendevo di salire leggera

verso il cielo stellato!....Mi dispiace non essere riuscita a trattenervi attivamente e forse

invece il mio attivismo è stato rifiutato come se volessi impormi.

Me ne frego di impormi così platealmente, io spesso lo faccio trasversalmente

seguendo un ordine disarmonico e spesso illogico.

Caro Man, fai come preferisci,.

Ciao

 

Comunque volevo aggiungere, caro Man, tu fai quello che la tua logica ti consiglia

e poi sicuramente arriveremo da qualche parte!....Lo so che la tua specializzazione

è quella di prendertela con il " potere" anche quello che solo tu consideri tale quasi che

così tu possa dimostrare a te stesso che hai la possibilità sempre e comunque di combattere

per qualche causa vera o presunta.....In fondo, sono io a perdere perchè io sono la responsabile

ultima e prima del flop di questo sito. Tu puoi solo essere uno di quelli che sono rimasti

 forse più a guardare che ad agire ma poi a te si sono aggiunti altri e altri e quindi mi sembra inutile

insistere.

Il mio dispiacere non affiora forse dalle mie parole ma per farti arrivare questo mio grande disagio

cosa devo fare?...Devo forse mettermi a implorare di aiutarmi a tenerlo in vita?

O devo piangere in un angolo perhè sono ancora qui sola a girarmi i pollici?

Ciao Man, mi dispiace tanto e tu infierisci!

Cara Memory,

 

Mi sembra che tu stia travisando quella che, da parte mia, voleva essere, da un lato, un'espressione di affetto e, dall'altro, una manifestazione di delusione per le modalità, ripetute nel tempo, con le quali le tue sensazioni di flop e fallimento (valutazioni sulle quali io non concordo affatto) sono andate esternandosi.

Io non ho un ricordo di un'età dell'oro di questo sito. Siamo sempre stati quattro gatti ma, aggiungo io, chi se ne frega.

Personalmente non faccio il pensionato e ognuno di noi ha il proprio lavoro: io faccio l'avvocato, Sesta è ordinario di analisi matematica all'università, gli altri non so ma avranno una "vita activa" anche loro.

Inutile cercare responsabilità per una (presunta) assenza.

Ognuno di noi ha dato (e dà) a questo sito quello che ha potuto (e che può), con passione e affetto. Lo testimoniano i vari MOPI contests (quello dell'anno scorso da me indetto), i vari meritori Inventari (promossi da Asterisco e Silva), le successive "primarie" per la conservazione del sito, eccetera.

Ognuno di noi vorrebbe continuare a farlo nei modi e nei tempi che la vita gli consente, libero di non essere taglieggiato e ricattato per il presunto disamore verso il sito in cui ognuno di noi, assenti e presenti, verserebbe.

Non devi "implorare" nessuno a tenere in vita questo sito nè trattarlo come se esso fosse addirittura la tua "ragione di vita" laddove la mancanza di attenzione di questo o quell'altro fosse decisiva per tua sensazione di fallimento personale.

La tua richiesta di presenza e di "attenzione" ha un effetto psicologicamente controproducente e si ritorce contro di te e contro il tuo (e nostro) stesso interesse, come ho cercato, nel tempo, di dirti.

Quello che infine appare ingiustificato agli occhi di chi, coi propri limiti, ha fatto quello che ha potuto, è l'invito ad autocancellarsi, una specie di suicidio collettivo non giustificato dalle circostanze visto che, contemporaneamente, non viene dichiarata una contestuale chiusura del sito, destinato a rimanere il tuo notepad.

L'amicizia è un sentimento che presuppone la libertà, di andare e venire, di esserci o non esserci, come oggi diceva Asterisco con un intervento che condivido in toto. Io rispetto la tua libertà e dunque se vuoi chiudere il sito, per qualsiasi motivo ti paia opportuno, cancellalo e buonanotte. Se invece lo lasci aperto agli esterni cerca di accettare che ognuno di loro possa partecipare nei modi e nei tempi che gli sono consoni, senza sentimentalismi ricattatori.

 

Carissimo Man, il tuo attivismo in questa circostanza e' significativo di due certezze

1) tu riesci ad essere partecipe con attenzione e con una singolare ripetitività della tua presenza

in un tempo estremamente concentrato probabilmete solo perche' ti attivi, se puoi creare

una situazione simil adrenalinica che coincide spesso con la polemica.

2) ( che e' collegata totalmente alla prima) il tuo presenzialismo in questa circostanza e'

significativamente corposo e indicativo della tua qualifica professionale che ti stimola

ad un contraddittorio estremamente  partecipativo se e solo  puoi prendertela con qualcuno

facendo  l'avvocato di qualcun'altro  o meglio ancora, facendo  l'autoavvocato che deve perorare

qualcosa che sia contro chi in quel momento non e' nè l'autoprotetto nè il cliente..

Niente da dire sul tuo prcorso logico che non fa un piega! Che bravo avvocato saresti

se non riuscissi a ribaltare i termini di un percorso solo perche' " l'assassino "

era presente al delitto!

Io ti ringazio per essere tu cosi' legato a questo sito anche se solo pieno di quattro gatti, 

non solo quattro gatti ora  ma anche nel periodo dell'eldorado o da me presunto tale!.

Le mie scelte melense  percepiscono che l'oggetto del " contendere" viene focalizzato

in termini totalmente diversi se guardato da altre due differenti angolazioni, quella

di un quasi presente ( Man),e quella di un quasi assente( Asterisco),

Io le rispetto per cui  mi fermero' ad ascoltare le eventauali decisioni degli  altri  pochi, quelli che

sono stati attivi nel  breve percorso di vita di questo luogo.

Vorrei però anche io aggiungere quattro sciocchezzuole tanto per continuare a dire la mia

soprattutto perchè  mi sono state rivolte due attenzioni nomilali.

  E qui mi rivolgo anche ad Asterisco che ringrazio per il suo stupefacente evocarsi

da un ampio respiro di assenza e che probabilmente verrà da lei  sintetizzato come un' esaltante 

esperienza e questo lo leggo dentro il concetto così ben espressso:

APERTA PARENTESI

".........io vedo persino nelle assenze una conquista, lì dove la tua volontaria assenza è frutto

della mia capacità di evitare che ti senta addosso la pesantezza di doverti necessariamente manifestare,

che ti opprima la responsabilità di una presenza alla mia maniera. Io amo lasciar vivere così:

prendendo il massimo senza chiedere neppure il minimo."

Stupendo concetto che gioca sulle parole che fanno l'effetto del punching-ball

ribaltandosi su chi le esprime: tutto un gioco di vai e vieni che si attorciglia intricando i rami

di una enfatica scelta di non arrivare da nessuna parte se non filosofeggiare su se è nata prima

la gallina o l'uovo.Quindi,  la mia assenza riuscirebbe a gratificare la tua( pur motivata da divesità opzionale)

così che entrambe, raggiungiamo l'estasi  di non esserci nessuna delle due.

. Che senso ha questo avvolgimento metafisico sul nulla?

 

Chiusa la Partentesi su questa considerazione.

 

Ribaltando ( in contrordine)  l'ordine dei fattori, e  anche se il prodotto non cambia e cioe' il sito galleggia

fra indifferenza e attenti al lupo, tuttavia preferisco riquadrettarlo come lo vedo io ed e' da li' che riparto.

Se pure io non pretendessi quella dedizione assoluta del pensionato appeso alle abbuffate del tempo,

tuttavia speravo che si potesse continuare a vedere la partecipazione si' di quattro gatti  ma almeno con quella

assiduita' che il sito  si era guadagnato attraverso un interscambio molto più presente .

Per evitare che ci si sia dimenticati dei quattro gatti, faccio l'elenco :  

Marusca,

Light,

Santhers,

Man,

Sesta,

Silva,

Giuseppe,

Asterisco, 

Raimondo,

Distratto

e saltuariamente Cino che ha dimostrato una coerenza comportamentale da sempre,

da quando e' venuto a trovarmi allorchè nessun altro dei nominati era qui.

 

Potrei anche condividere l'idea di  vedervi assumere le sembianze delle cariatidi appese

al muro del silenzio con la certezza che prima o poi " eppur si muove" potrebbe diventare

il premio per aver raggiunto la cima dell'albero della cuccagna.

C'e' un pero', quell' albero e' tremendamente viscido e tutte le volte che provo

ad aggrapparmi con la presa piu' precisa e vincente, mi ritrovo sempre all'inizio del percorso

dove le belle statuine se ne stanno ferme ad aspettare il prossimo tram che sembra essere

sempre in ritardo.

Se quello che vedo adesso ( ben due proclami!)con occhi imbambolati, sorpresi ed increduli,

fosse una realta' del sito anche in tempi non sospetti come questo, potrei essere felice proprio

come quando mamma fa gli gnocchi!

Purtroppo o per fortuna siamo totalmente inquadrati in dinamiche personali che considerano

questa piccola esperienza, una marginalita'( come sicuramente lo e'), marginalità che si puo' condividere

allorchè il meglio personale e' stato fatto ed e' ancora possibile disporre temporalmente di essa  

per riempire eventualmente quegli attimi sospesi tra il Nulla e l'Addio.

 

Ok, mi fa molto piacere vedervi cosi' pieni di queste vostre  idee tenute nel cassetto 

e pronti a farvi coinvolgere da voi stessi quando finalmente c'e' un po' di materia viva

sulla quale piantare le bandierine dell'inventiva sveglia e intelligente . ...

Ripeto, sarei felice di continuare a tenere in piedi questo luogo per una condivisione dialettica

che significhi partecipazione e non rare, sempre più rare  e controllate esibizioni di

" lo fo per piacer mio e non per far piacere a " Dio" ( avatar di qualcos'ltro all'occorrenza).

Però  quale altro significato potrebbe averelo stare alla finestra a guardare l'asino che vola

solo quando si sente la forza nelle gambe e nelle ali? Questo potrebbe richiedere per esempio

da parte mia o di quelli ancora presenti e partecipi ( Santhers, solo), una condivisione totale

dei miraggi che attraversano la  vostra mente e per vostra  intendo( in questo momento specifico)

quella di Man e di Asteisco.

Aggiungo qui alcune considerazioni di Giuseppe che ho già riportato sull'intervento di Man
"

La risposta di Man è sanguigna; è la risposta che ti darebbero tutti coloro sono entrati nel salotto di casa

e hanno creduto di poter partecipare alla conversazione quando ne avevano gli argomenti o la voglia
e non ogni volta che qualcuno dei commensali avviava un discorso....

Vedrai che molti dei silenti o assenti ora si faranno sentire e tu soffrirai per i giudizi immeritati di ognuno di loro; credo,

e mi dispiace moltissimo per te, che nel tempo darai ragione a loro perché un po’ di verde in un deserto è sempre una presenza

di vita che potrà non fare compagnia a nessuno; ma a chi in esso si è perduto può significare la vita stessa.

 

 E' chiaro e spero proprio che lo sia, che questo è un tentativo di esprimere la mia posizione

relativa alla situazione da voi inquadrata secondo le vostre personali introspezioni.

Siamo diversi, tutti e quindi il risultato  è la molteplice e variegata colorazione di una realtà

racchiusa in un unico raggio di luce bianca che attraversa una superfice prismatica.

I vari colori siamo noi e la luce bianca è il concetto unico che ci racchiude

e rimaniamo indifferenziati se ci accontentiamo di stare in silenzio perchè tanto

il sole splende lo stesso.

 

Vi ringrazio per aver dedicato tanto del vostro prezioso tempo.

Senti Memory, io ho forse poche idee ma chiare.

Intanto, di quell'elenco che hai fatto, hai ottenuto che Giuseppe si cancellasse. Spero tu ne sia contenta.

Vuoi chiudere il sito? Fallo senza continuare a dare colpe a destra e a manca perchè qui ognuno ha fatto quello che poteva nel modo in cui poteva. E sentirsi dare addosso perchè quello che ha fatto non era comunque abbastanza è un po' troppo da digerire. La gente, che pure ha dato quello che poteva, molto semplicemente, ti manda a quel paese. E dopo che ti avrà mandata a quel paese, tu starai male, a maledire il destino avverso, a crogiolarti nella tua, a questo punto, meritata solitudine. Ora mi cancello anch'io, per cui spero tu stia anche meglio di prima.

qualche minuto fa io ero venuta qui solo per copincollare qualcosa prima di autocancellarmi, ma ora sono smarrita e confusa...

probabilmente è inutile cercare di capire la ratio delle varie posizioni, poiché l'unico vero sentimento comune è il dispiacere di abbandonare un luogo che, in modi diversi per intensità e approcci, abbiamo abitato e vissuto come se fosse una casa, con familiarità, affetto, voglia di fare o non fare, a volte con entusiasmo a volte con perplessità, ma mai con indifferenza, forse in più con una punta di egoismo...

In una famiglia di conviventi, chi più chi meno, sono tutti un po' egoisti, non solo i figli degeneri o anche solo un po' lazzaroni, ma anche i genitori più altruisti, quelli che si 'svenano' per i loro figli, ma spesso non riescono a vedere altri orizzonti oltre a quelli disegnati dalle proprie aspettative...

Ed ora siamo tutti accomunati da un grandissimo dispiacere, è ovvio...

E ciascuno lo esprime a modo suo, coi suoi modi, i toni, le insistenze, le lamentele,o  la rassegnazione...

Io, confesso, mi ero, mi sono rassegnata, perché ho sempre rispettato l'autorità anche quando i miei istinti di ribellione mi avrebbero portato a reazioni scomposte...

Ero già disposta a tracannare d'un fiato la mia 'cicuta', e lo sono ancora, pur consapevole di quanto sia dolorosa...

D'altra parte, io non mi sento in grado di argomentare nulla in favore del ritiro del provvedimento di cancellazione, perché so che non riuscirei a fare molto di più di quello che ho fatto, o non ho fatto, finora...

Memory, tu sai che ho provato ad esprimere il mio parere su quello che tu consideri il 'fallimento' del sito: secondo me  un numero esiguo di partecipanti mette spietatamente in evidenza quei momenti di stanchezza, di rallentamento, che con altri numeri passerebbero quasi inosservati ...

Però, sto scoprendo proprio ora in questo scorcio di dibattito  un diverso  sapore nella tua conclusione:

I vari colori siamo noi e la luce bianca è il concetto unico che ci racchiude

e rimaniamo indifferenziati se ci accontentiamo di stare in silenzio perchè tanto

il sole splende lo stesso.

 

portando agli estremi  la situazione, se ammettiamo che...

i veri colori siamo noi e la luce bianca è il concetto unico che ci racchiude, allora noi siamo anche quel  sole, che splende comunque là fuori e dentro di noi, raggi monocromatici si, ma grevi d'iridescenze...

E allora, se tutti davvero tacessimo, si silenzierebbe anche il sole, e sarebbe la fine, la fine di tutto...

Lo vogliamo veramente?

Lo vuoi anche tu, Memory?

 

Avvelenato da tutte queste cialtronerie politiche che mi tocca vedere ogni giorno in questa orrenda campagna elettorale,spero che arrivi il 25 il più presto,non mi voglio calare in nessuna parte,dico solo una cosa...in tutti i siti di scrittura e io ne frequento una cinquantina,ove pubblico e basta,c'è un appiattimento generale per la scrittura,sarà che s'è esaurito un filone espressivo del mezzo internet-per cui non danniamoci l'anima....non generiamo tra noi livori che non esistono....amen

Ti ho scritto anche adesso in privato e voglio aggiungere solo che mi sembra che ognuno viva

in un mondo parallelo dove ci si vede da lontano, ci si guarda muoversi e ognuno interpreta i movimenti

in base alle proprie conoscenze del volo, del salto in lungo, di quello in alto e poi pure del salto mortale

con avvitamento! I

Io mi sono impegnata ad attendere che qualcosa si muovesse oltre il mio pensiero che attendeva

questo movimento. Come hai ben detto tu, l'esiguità del numero ha impedito che l'assenza di uno

venisse casualmente sostituita dalla disponibilità di un altro e così in avantii. Bene.

Purtroppo le defezioni non saltuarie ma definitive sono cominciate a diventare troppe. A queste poi

si sono aggiunti gli impegni necessari di altri e le cose sono andate così.

Ciò che mi dispiace davvero è il fatto che qualcuno mi abbia appioppato la qualità di essere stata

davvero priva di tatto e di sensibilità perchè chiedendo l'autocancellazione avevo in realtà sottovalutato

la partecipazione di quei pochi che stavano ancora qui. Non c'era assolutamente una tale volontà

e se qualcuno ha percepito questo, mi scuso. Adesso, miei cari amici, i qui pro quo sono diventati

eccessivi. Ho capito solo ora che sia tu che Giuseppe non volevate assolutamente l'autocancellazione

e quindi oltre che insensibile sono pure un'acchiappa farfalle senza neppure la retina!

Mi assumo quindi questa responsabilità ma sono molto stanca e quindi lascio ai pochi rimasti

la responsabilità di fare quello che vogliono. Io per un pò me ne starò accucciata e vi terrò compagnia

con la mia mente.

Questo mio piccolo mondo che ho creduto di coccolare come un piccolo gioiello, mi sta mostrando

la sua inconsistenza.

Grazie, cara Silva e un grazie speciale a Santhers che mi ha tenuto compagnia in silenzio,

a modo suo.

Sono certa che ci troveremo ancora..

Ps:ripeto fate quello che pensate sia giusto fare e non quello che io pensavo fosse giusto fare:

Questo luogo è il vostro territorio. Io sono solo colei che lo ha messo su per prima.!

Questa è la mail che un paio di giorni fa mi ha scritto RAIMONDO ( ho l'autorizzazione)

"Amica mia,

credo tu non abbia nulla da rimproverarti se il sito non ha risposto alle tue aspettative di farne un “salotto buono” dove persone con esperienze diverse – e, proprio per questo, stimolanti – potessero confrontarsi e dibattere serenamente per arricchirsi reciprocamente.

Se quasi sempre i fatti hanno dimostrato che in gran parte dei tuoi ospiti era poca, o del tutto assente, la volontà di offrire il proprio tassello e di accogliere quelli altrui per costruire un mosaico comune, non devi affatto colpevolizzarti.

Che colpa hai tu del ricorrente campanilismo tra tasselli mai disponibili per il mosaico o note, spesso stonate, mai diventate coro? Certamente nessuna. Anzi hai fatto di tutto per mediare, smussando asperità o eccessi, invitando al dialogo e sperando che con il passare del tempo la situazione potesse migliorare.

L’ho sperato anch’io e abbiamo avuto occasione di parlarne, ma così non è stato. Anche a me dispiace molto l’esito deludente ma, con il senno di poi, vista la costante scarsa disponibilità a “fare squadra”, c’era da attenderselo.

È una ragione di più per dire che, se proprio si è sbagliato (mi ci metto anch’io), è stato un errore di previsione.

Ti chiedo scusa se mi sono arreso forse troppo presto e non ce l’ho messa tutta per sostenerti finora, ma ti sono comunque grato perché in ogni esperienza non mancano mai gli aspetti positivi.

Nei prossimi giorni farò alcuni "copia-incolla", poi procederò, come chiedi, all’autocancellazione; ma, se il blog rimane, potrò accedere?

Con grande e immutata stima, ti abbraccio,

Raimondo

Rispondi alla discussione

RSS

© 2017   Creato da Memory.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio